PROSEGUE L'IMPEGNO DELLA SIS PER LA MENSA DEI POVERI DI PADRE MARELLA

Riso SIS per la mensa dei poveri di Padre Marella

Data pubblicazione: 2013-12-20

11743 - 19:12:13/08:31 - bologna, (agra press) - "anche quest'anno sis - societa' italiana sementi ha voluto confermare il suo impegno etico e di solidarieta' verso i piu' bisognosi", informa un comunicato della societa' nel rendere noto che "su impulso del presidente gabriele cristofori e del direttore generale claudio mattioli, sis nel corso del 2013 ha donato alla onlus 'opera di padre marella-citta' dei ragazzi', con sede a san lazzaro, 200 chili di riso al mese (2400 chili complessivi annui) contribuendo cosi' alla copertura annuale del fabbisogno dell'opera, di tutte le persone accolte e di tutti i poveri che si rivolgono ad essa". "il direttore claudio mattioli e il presidente gabriele cristofori - si legge nel comunicato - hanno motivato la donazione con la volonta' di contribuire al sostegno di una comunita' che svolge un'attivita' di altissimo rilievo sociale, particolarmente importante in questi tempi di crisi, con la fornitura di 400mila pasti annui agli ospiti interni e a tutti i bisognosi che si rivolgono ad essa". "padre gabriele digani, direttore dell'opera padre marella - comunica la sis - ha ringraziato di cuore i vertici della sis con queste parole: 'in questo periodo di crisi economica in cui si lamenta la scarsita' di lavoro e purtroppo la disoccupazione colpisce soprattutto i piu' giovani, per noi il lavoro cresce soprattutto alla nostra mensa e l'impegno di imprese come sis testimonia come anche il mondo imprenditoriale possa coniugare sviluppo e innovazione con la concreta solidarieta' a favore dei poveri e dei bisognosi'. cristofori e mattioli hanno invitato padre digani ad essere presente domani venerdi' 20 dicembre alla festa degli auguri presso lo stabilimento sis di idice di san lazzaro". "oltre alla collaborazione con l'opera padre marella, sis - ricorda la societa' - sostiene le attivita' del progetto eubiosia della fondazione ant italia, da cui ha ricevuto il titolo di 'mecenate', e del progetto casa ail di bolognaail". "la nostra societa' sementiera - afferma cristofori - che partecipa alla filiera ghigi con le sue varieta' di grano duro e per il riso ha fatto la scelta rigorosa di puntare solo su varieta' italiane, ottenute con tecniche di miglioramento genetico tradizionale, conferma il suo impegno etico e solidale verso i deboli e i piu' bisognosi, coerente con la sua missione di servizio a favore delle imprese agricole che ogni giorno lavorano, pur in condizioni difficili, a favore del bene comune in termini di qualita' delle produzioni e di sostenibilita' ambientale".

utilità